Con una piazzetta da rifare, non ci sono idee da buttare…..

Un dì sereno

ad un giovane condottiero insieme alla sua spalla

venne in mente una palla.

E’ una palla, è una sfera,

nessuno capì cos’era!

Dopo tanto lavoro

tutto iniziò ad avere un tono,

così, la brava gente iniziò ad apprezzare

e decise che da quel momento avrebbe voluto aiutare.

Non poche ostilità hanno dovuto affrontare

ma con delle firme hanno saputo fronteggiare

e così, il nemico sconfitto a casa dovette tornare

e di gioia iniziarono ad urlare.

Urlarono non poco,

ma non sempre di gioia

a causa del duro lavoro.

Gli insulti dall’alto a poco son serviti

perché i lavori erano quasi finiti.

Ma il comune dell’orecchio mancato, disgraziato,

ben poco ha stanziato,

ma rabbia e sgomento non hanno preso il sopravvento:

ed ecco la comparsa dei cavalieri

che a causa dei quaranta gradi non si reggevano in piedi.

Stucco e piastrelle colorate

non andavano lavate

bensì attaccate e levigate,

giusto per avere le menti sempre allenate!

Le perplessità del condottiero

a volte disorientava

ma la pazienza della spalla a tutti dava una calmata.

“Tra una settimana finiamo” , disse il saggio,

e il sudore affrontarono con coraggio.

Disse dopo: “Non tra una settimana finisce il gioco”

e nessuno si sentì di fare corone d’alloro.

Il gioco è ormai divertente

ma ancora non c’è qualcuno che ci scommette un dente

per l’impresa impertinente.

Eccitati furono infine,

perché venne il capo edile!

“ La svolta è segnata” , disse la gente consolata.

Ma una sorpresa ci attendeva:

un articolo uscito una sera,

così diceva: “piazzetta inaugurata, ora vado a fare una passeggiata!”

e la gente risposte disgustata.

“ E noi continuiamo”, disse uno,

e non si sentì lamento alcuno.

Continuarono con il caldo estenuante

Senza mai perdere ciò che è importante:

se un impegno viene accettato

sempre a termine deve essere portato,

e il condottiero, la sua spalla e la gente dell’Idria non l’hanno dimenticato.

Michela Luperto (giovane abitante della piazza e costruttrice dell’immaginario) 

Annunci

JANUB raccontato al sole

Antidoti al dolore per le vie della città

Se ti sale lo scuro dentro anche il primo giorno di primavera del terzo mese dell’anno, quando il sole è quasi scandaloso, chiaro e inequivocabile puoi sederti su una panchina, accanto a Janub.

Janub è sud in arabo, e questo è sole da sud di pelle legnosa. Janub è un’idea colorata che attraversa mente, corpo e arriva fiera e onesta nelle mani.Marmellata molteplice e succosa.

Da febbraio Janub si è fatto cantiere che, fuori dalle retoriche della riqualificazione partecipata, crea dispositivi semplici per ricostruire l’arredo di una piazza marginale della città. Siamo a Piazza Dante, alla periferia del quartiere San Pio, non ancora Rudiae, due traverse più in là c’è la ferrovia. Una piazza in un confine, che si muove ora con passi precisi e cadenzati, un ritmo scandito dal lavoro con le mani: impasto, linee sinuose, per ridare movimento a un corpo-piazza stanco.

Il progetto nasce da osservazioni e assemblee con gli abitanti, ha superato ostacoli, perchè ha convogliato i desideri di chi abita con quella piazza accanto ogni giorno: bambini, giovani, famiglie migranti, anziani. Dai desideri è nato un disegno, una nuova postura e ogni mattina un gruppo variegato di persone impara l’arte della muratura, del mosaico, del ferro battuto, facendo, dando vita a una piazza nuova.

Un’ architettura desiderante.

Le maestranze artigiane con mani callose si mescolano all’occhio colorato dell’artista, al lavoro dei ragazzi e delle ragazze che riscoprono nella fatica fisica il sollievo dalle paranoie della mente.

Ecco, se poi ti siedi nella panchina accanto, oltre la rete porosa del cantiere, ascolti il silenzio del vento che fa sembrare suono il rumore della betoniera per il cemento, della flessibile che taglia. Se guardi bene poi ti accorgi, che in una di quelle panchine, più o meno ogni giorno, c’è una busta bianca di plastica con un nodo. Ci intravedi dentro un plico di reclàme dei supermercati. Se aspetti dopo poco, quasi sempre alla stessa ora, vedrai apparire Lele. Arriva con una giacca marrone e un cappello verde da cacciatore che gli copre gli occhi quasi orientali, spuntano sotto labbra grandi. Si siede nella sua panchina, ha sottobraccio un’altra reclame. Si mette a gambe incrociate e la sfoglia. Se per caso mai ti sia sembrata inutile tutta quella carta sprecata per pubblicizzare prodotti per lo più dannosi,  puoi metterti ad osservare Lele che con gesto di cura, ne sfoglia ogni pagina. Ti sembrerà a quel punto il più prezioso dei cimeli cartacei. Quando i colori finiscono Lele si alza, lascia la busta lì. Tornerà. Quando lo vedo tornare dal suo giro mi osserva. Prima non c’ero, c’era solo il suo rituale, la panchina, la rèclame. Ora invece prende la busta e si avvicina alla mia panchina. Lo guardo, sta fermo in silenzio, mi guarda. Lo saluto, sorride allora. O meglio espande un sorriso che partendo dalla bocca senza incoerenza di pelle gli arriva alle rughe degli occhi, gli innaffia l’iride. E’ un momento, un gesto pronto, di coerente bellezza del viso. Gli chiedo se vuole sedersi, si, risponde, si siede accanto, nella nostra panchina. Mi prende la mano, la lascia. Me la appoggia sul ginocchio. Mi imbarazzo, ma lui no, lui è felice.Mi saluta, si alza e se ne va con la sua preziosa busta in mano. Mentre si allontana di spalle gli vedo ancora il sorriso da primavera in faccia.

Lele alle prese con il mosaico

C’è un sole scandalosamente vero, vicinanza, Gli occhi degli altri sono indispensabili a comprendere un luogo”.

Janub è un infra-spazio, è cantiere strano, dove dentro ci sono persone e non pedine lavoranti, dove i ruoli si mescolano in continuazione, dove le panchine nuove, quelle in costruzione, hanno linee femminili, dove la rèclame del supermercato diventa prezioso giornale e dove Lele è abitante che costruisce ogni giorno, con un rituale piccolo e aperto al mondo, un modo speciale di stare.

Lele, la sua panchina e le sue rèclame

Urbanismo dei rituali minimi.

Janub, Boh? Oh!

Maira MARZIONI


Il cantiere urbano è aperto!

Nel mese di febbraio è stata allestita l’aria di cantiere per dare avvio  ai lavori di ristrutturazione di Piazza Dante con la realizzazione del salotto urbano.

Il primo corso è quello della lavorazione della pietra ed è condotto da due maestri artigiani della Scuola Edile della Provincia di Lecce.

Scultura in tufo e mosaico

Il cantiere é aperto dalle 8 alle 14h e in questa prima fase abbiamo iniziato la costruzione e la modellazione delle opere in pietra (le due sedute, il tavolo di quartiere e l’intarsio nella pavimentazione esistente). La realizzazione delle opere è discussa e elaborata in cantiere con i maestri, gli stagisti, gli abitanti e i tanti curiosi : si osserva la città e si pensa la piazza … le mani si mettono al lavoro, comincia il vociare di tutti … ed ecco che lo spazio pubblico si forma fatto di forme!

Per noi è cosi che la città parte dal basso stimolando fantasia, manualità e la possibilità di agire. In Piazza Dante si recuperano materiali di scarto e si cercano tecniche di costruzione con un impatto ambientale ridotto.

Panoramica del salotto urbano

Nel largo denominato “de llu mezzaricchia” si costruisce con quei ragazzi che fino a ieri hanno vissuto la piazza come abitanti e che oggi in cantiere divengono gli artigiani che la plasmano. In questo luogo si lavora la materia e le relazioni, si fatica per fare la città cercando di ripensare i rapporti e le gerarchie del vivere quotidiano.

L’architettura non è più un gesto referenziale ma una forma umana che diventa politica dello spazio, l’arte non è più a suffragio di pochi ma un sistema scultoreo fatto di relazioni.